Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Precari: "lavoro? Quale lavoro?"

Part-time, contratto a termine, lavoro interinale, lavoro parasubordinato e via dicendo. Una delle bestie nere del lavoro, una delle più longeve, è il precariato. Un termine che è nato almeno dieci anni fa, ma che oggi è salito all'onore delle cronache non tanto, o non solo, per la vastità che ha assunto il fenomeno ma anche perché è ormai il sintomo di un futuro che gli italiani hanno sognato e desiderato ma che nei fatti non hanno più.

A genesi di tale situazione, e della grandissima diffusione dei contratti a termine, la Legge 30/2003 cui è stato affibbiato il nome di “Legge Biagi”, “colpevole” di aver teorizzato una libertà maggiore dei datori di lavoro nella possibilità di licenziare i propri dipendenti nei confronti della magistratura, ma non di aver immaginato un’Italia di lavoratori sfruttati e ogni giorno in bilico tra il licenziamento e lo stipendio da fame. Stiano come stiano le cose, la “Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro” è la pietra miliare sulla via verso l’affermarsi del precariato in Italia. 

di Sara Santolini Nel Mensile

Politica Agricola Comune: 13 associazioni propongono una riforma 'verde'

Elezioni USA: cherchez la femme