Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Grillo, da show a notizia. La tv in contumacia

Beppe Grillo, dopo essere stato l’esiliato assoluto della televisione italiana, è diventato il più corteggiato di tutti: lui e i suoi accoliti sarebbero diventati l’ancora di salvezza dei moribondi talk show politici, al punto che se ne parla di continuo anche se in contumacia, mentre gli unici presenzialisti puri e duri residuali sono gli esponenti di una casta politica decotta, che non fa né consenso né audience, e alcune sgallettate sparse, spacciate per opinioniste de sto cazzo, il quale in effetti è l’unico argomento su cui potrebbero aver qualcosa da dire, ma da esperte va ammesso.

Bisogna dire che da quando è entrato nell’agone politico, come creatura in stile scientology di Casaleggio, il comico genovese ha dimostrato di conoscere i media, specie i vecchi media, più di ogni altro, ossessionandoli con la sua assenza “virtuale”, al punto che viene quasi da dire, parafrasando Marx: «c’è uno spettro che si aggira per il digitale: è lo spettro di Grillo».

di Ferdinando Menconi Nel Mensile

L'Unione Europea sulla rotta della rottamazione

Crisi, l'Italia senza i redditi da pensione starebbe peggio della Grecia, I dati shock dell'Inps