Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

In pensione a 65 anni? Non il Kalashnikov

A 65 anni c’è chi rifiuta ostinatamente di andare in pensione, ma si tratta del mitico Kalashinikov: l’archetipo del fucile d’assalto, nato nel 1947 e rinnovato nel 1974, e che, nonostante non sia stato confermato in servizio nelle forze armate russe, si rifiuta di lasciare il passo al fenomenale Nikovov AN 94.

L’AN 94 è decisamente il miglior fucile d’assalto in circolazione, ma proprio nella sua tecnologia avanzata sembra trovarsi il suo tallone d’achille: non ha la l’indistruttibile semplicità dell’Avtomat Kalašnikova, che rilancia con il modello AK 12, sessantacinque anni dopo il primo modello, il mitico AK 47 appunto, forte anche dell’essere stato appena adottato, nella versione Saiga, addirittura dalla polizia statunitense.

Un vecchietto indistruttibile, veterano di mille battaglie che ancora rifiuta di arrendersi: come il suo progettista Michail Kalašnikov, un "modello 19" ancora sulla breccia.

(fm)

Portogallo: la storia si ripete

Banche etiche: il denaro come servizio