Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Sanzioni contro l’India (ma non per i marò...)

Sanzioni possibili contro l’India, ma non italiane per la questione dei marò, bensì targate USA: perché in India si brucia petrolio iraniano, riducendo così l’impatto delle sanzioni occidentali su Teheran.

La minaccia non può, però, essere vista in maniera così riduttiva. L’India, come tutti i paesi BRIC, è vista con astio da Washington, anche se vorrebbe inserirla in un piano di accerchiamento alla Cina, inoltre gli USA devono recuperare il rapporto di tradizionale alleanza con il Pakistan, nemico dell’India fin dall’indipendenza.

Gli USA cercano dunque di influenzare così la posizione geopolitica indiana, sempre più pericolosamente indipendente, e provano ad ottenere l’obbedienza con la minaccia, metodo che difficilmente garantisce risultati, e peraltro ne ottiene solo a breve scadenza. 

Lo scenario del conflitto con l’Iran si allarga pertanto sempre più, ed eventuali azioni belliche avrebbero consegue peggiori di quelle paventate anche dai pessimisti di professione.

red

Grecia: task force Ue, ok con piano

Una nuova tv per una “Russia giusta”