Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

LIBIA UN ANNO FA: MEMORIA CORTA


DI MANLIO DINUCCI
ilmanifesto.it
L'arte della guerra

Uno degli effetti delle armi di distrazione di massa è quello di cancellare la memoria di fatti anche recenti, facendone perdere le tracce. È passato così sotto silenzio il fatto che un anno fa, il 19 marzo, iniziava il bombardamento aeronavale della Libia, formalmente «per proteggere i civili». In sette mesi, l'aviazione Usa/Nato effettuava 30mila missioni, di cui 10mila di attacco, con impiego di oltre 40mila bombe e missili. Venivano inoltre infiltrate in Libia forze speciali, tra cui migliaia di commandos qatariani facilmente camuffabili. Venivano finanziati e armati i settori tribali ostili al governo di Tripoli e anche gruppi islamici, fino a pochi mesi prima definiti terroristi.

A seguito, "19 MARZO, VIA ALLA GUERRA. E ALLE "BUFALE" " (Marinella Correggia, Il manifesto)"

(Leggi tutto)

Mele avvelenate, l'insostenibile monopolio dell'agricoltura industriale

Tobin Tax: Semeta, non c'e' piano B