Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

La Formula 1 batte la Primavera araba

Bolidi sì, rivoltosi no. Quantomeno nel Bahrein, dove le notizie della rivolta sono state costantemente oscurate dai media mainstrem e nessuna violazione dei diritti umani è mai stata esecrata: troppo grande era già stato il dramma vissuto l’anno scorso, con la cancellazione del GP.

Anche se in Bahrein non siamo in una situazione siriana, grazie tra l’altro alla normalizzazione saudita che, senza preoccuparsi delle violazioni dei diritti, aveva silenziato i ribelli mandando l’esercito ad aiutare il regime: chi protestava erano gli sciiti e costoro, per un sunnita di Riad, sono gente che diritti non ne ha.

Il rombo delle monoposto ha fatto calare il silenzio sul Bahrein. Che troveremo sì sulle prime pagine, ma solo nei giornali sportivi.

(fm)

Siria. La Russia sostiene il piano Annan

Caccia alle streghe in Arabia Saudita