Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Salari fermi, l'inflazione se li mangia di più

A marzo la forbice tra l'aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,2%) e il livello d'inflazione (+3,3%), su base annua, tocca una differenza di 2,1 punti percentuali, che rappresenta il divario più alto dall'agosto del 1995"

(Qui la notizia)

LA SPAGNA INAUGURA LA GUERRA AI DIPENDENTI PUBBLICI. 5.000 LICENZIAMENTI A VALENCIA

Istat: salari marzo peggiori dal 1983