Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Monti: che bello, lo «schiacciasassi» liberale

La colpa? È sempre degli altri. In perfetto stile liberale, e (neo)liberista, Mario Monti ha solo certezze: il sistema economico sarebbe perfetto, se non ci fossero quei rompicoglioni degli esseri umani a ostacolarlo in vario modo. Vuoi con le loro pretese, così palesemente assurde, di equità sociale, vuoi con quella curiosa tendenza a organizzarsi per conto proprio, contrapponendo delle camarille improvvisate alle oligarchie “naturali” delle multinazionali e della speculazione finanziaria.

Il presidente del Consiglio se ne duole alquanto, e durante il pubblico incontro che si è svolto ieri con il celebre economista statunitense Joseph Stiglitz, che è di gran lunga meno integralista di lui, lo afferma pari pari: «La nostra scarsa crescita deriva da peculiarità culturali dell'Italia. Il Paese rimane grandemente corporativo. C'è un rigetto di riforme che si sono lungamente invocate e che, dal momento in cui sono coglibili, vengono rigettate perché, forse, si pensa che sia meglio avere gli alibi per non fare che avere le opportunità di fare». 

 

di Federico Zamboni

(nel Quotidiano)

IL PAESE DELLA VERGOGNA: ECCO COME LE BANCHE STANNO SPENNANDO GLI ITALIANI

Nel 2012 si perderanno 130 mila posti di lavoro