Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Russia: sì al nucleare civile iraniano

Mosca continua a sparigliare le carte sul tavolo della geopolitica. L’ultima mossa è l’aver dichiarato il proprio supporto al nucleare iraniano, mentre il resto del mondo promuove sanzioni e minaccia interventi armati.

Putin, nel corso dei negoziati in corso con Ahmadinejad, ha sostenuto «il diritto del popolo iraniano di disporre di moderne tecnologie, incluso l’uso pacifico dell’energia nucleare». Inoltre, nel ribadire che la Russia si oppone fermamente alla proliferazione delle armi di distruzione di massa, ha  riconosciuto che anche l’Iran è impegnato in questo senso.

Ahmadinejad, per parte sua, ha dichiarato che «la situazione nella regione richiede una più stretta collaborazione fra Iran e Russia» perché i due paesi «si trovano dalla stessa parte della barricata» a causa delle potenze «che si oppongono a progresso e sviluppo sia in Iran che in Russia».

Altro tema centrale toccato durante i colloqui è stato la regione del Caspio, scenario emergente nella guerra del gas, dove le due nazioni intendono collaborare strettamente, fatto che frustrerebbe i tentativi Turco-Azeri di rilanciare il gasdotto Nabucco.

Questa netta presa di posizione russa complica decisamente la vita ai falchi dell’aggressione armata e può imbarazzare anche i sanzionatori a tutti i costi, che secondo Mosca impediscono una soluzione della questione relativa al nucleare civile iraniano.

(fm)

Hama, un nuovo massacro in Siria

PIAGNISTEO MONTI