Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Bbc contro Orwell

Il mondo alla rovescia, milionesima puntata (e la stima è per difetto, naturalmente). La Bbc dice di no alla statua di George Orwell, che secondo i progetti doveva essere posta davanti alla nuova sede della celeberrima, e fin troppo celebrata, emittente radiotelevisiva inglese. Spiegazione, si fa per dire, l’autore di 1984 era «troppo di sinistra».

Messa così è nulla di più di un’etichetta. Che nasconde dietro una contrapposizione ideologica quella che in effetti è una questione etica: il punto non è che Orwell fosse «troppo di sinistra», come lo si potrebbe affermare di uno stalinista qualsiasi, ma che nel suo modo di pensare, di vivere e di scrivere non c’era spazio per nessun compromesso con le oligarchie di potere che ingannano i popoli e, in particolare, i cittadini più ignoranti e indifesi. Vedi il suo memorabile Omaggio alla Catalogna, in cui diede conto senza alcun timore del tradimento fratricida commesso dai comunisti filosovietici, durante la Guerra civile spagnola cominciata nel luglio 1936, sulla pelle dei rivoluzionari di matrice anarchica.

L’ostracismo decretato ai suoi danni andrebbe dunque ribaltato. Non è Orwell a essere indegno della Bbc, ma è quest’ultima a essere indegna di lui.

 

Vedi anche:

La Stampa - "Troppo di sinistra": per la Bbc la statua di Orwell non s'ha da fare

 

Fed in preallarme

Pussy Riot. Più furbette che martiri