Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Cisl: Grillo pulito

Smentita Cisl: Niente soldi in nero a Grillo

Vatti a fidare. Ieri, ai microfoni di Radio 24,l'ex segretario confederale della Cisl Giovanni Guerisoli aveva affermato che nel 1999 Beppe Grillo era stato pagato in nero per uno spettacolo che si era svolto a latere di un'iniziativa dello stesso Sindacato. Ribadiamolo: non è che l'avesse dichiarato come se si trattasse di una diceria che gli era giunta alle orecchie, ma come un dato di fatto certo e indiscutibile. Al punto che si era lamentato delle successive difficoltà nel trovare una copertura contabile per quell'uscita fantasma.

Oggi, invece, si scopre che era (è) la più smaccata delle bufale. A smentire le accuse è infatti la stessa Cisl, che ha diffuso il seguente comunicato:«In merito alla notizia riportata da alcuni quotidiani su un presunto compenso in nero percepito da Grillo per la partecipazione ad una iniziativa sindacale, la Cisl precisa in una nota che la notizia è destituita da ogni fondamento. Nel maggio 1995 (e non nel 1999, come ha affermato ieri erroneamente su Radio 24 l'ex segretario confederale della CISL, Giovanni Guerisoli) il signor Beppe Grillo partecipò a Rimini ad uno spettacolo serale, con ingresso gratuito, in occasione dell'assemblea dei quadri della stessa CISL. In quella circostanza il comico genovese ricevette dalla Cisl per la sua prestazione professionale un compenso di venti milioni di lire, regolarmente quietanzato».

Complimenti a Guerisoli, naturalmente. E le nostre scuse a Grillo per aver citato anche noi, sia pure marginalmente e all'interno di un ragionamento di portata assai più ampia, quella che era sembrata una testimonianza di prima mano.

 

Borse. Europa in rosso

Decreto Salute: salta il CdM di domani