Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Sicuri che il problema sia Alba Dorata?

Ex ministro greco condannato per corruzione e riciclaggio

Dopo aver arrestato Nikos Michaloliakos, leader di Alba Dorata con l’accusa di far parte di un’organizzazione criminale (la condanna è avvenuta dopo che il rapper antifascista Pavlos Fyssas è stato ucciso a coltellate da un presunto simpatizzante di AD), la polizia ellenica ha fatto irruzione a casa dell’ex ministro della Difesa Akis Tsohatzopoulos, 73 anni, già in carcere per frode fiscale. L’ex esponente del Partito Socialista è stato condannato dalla Corte d’Appello di Atene per riciclaggio e corruzione. Secondo i giudici Tsohatzopoulos avrebbe ricevuto circa 160 milioni di euro di tangenti per l’acquisto da parte della Grecia di sistemi missilistici russi e di 4 sottomarini tedeschi. Un terremoto giudiziario per un Paese che è ormai allo stremo, strozzato dalle misure del governo e della Troika, mentre la sua economia è già entrata nel quinto anno di recessione con una disoccupazione record pari al 27% (che raggiunge il 50% fra i più giovani), soprattutto a causa dello smantellamento di scuole, uffici pubblici, ospedali. Ogni giorno ci sono mille disoccupati in più. Il Prodotto interno lordo che lo scorso anno è sceso del 6%, è retrocesso ai livelli di dodici anni fa. Chi non ha più un tetto, va a vivere in strada, mentre nelle città aumentano violenze, rapine e furti nelle case. Secondo alcuni studi, i crimini sarebbero addirittura aumentati del tremila per cento in due anni. L’opinione pubblica si scandalizza sul protagonismo di Alba Dorata - che altro non è che il prolungamento della mala gestione della cosa pubblica da parte dei partiti tradizionali greci - quando in realtà ad aver distrutto il Paese sono personalità come Akis Tsohatzopoulos.

S.C

Francia: la Sinistra svaporata

Podcast La Controra del 07/10/2013