Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Venezuela. Maduro dichiara guerra all’accaparramento

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, annuncerà oggi nuovi provvedimenti per affrontare quella che ha definito una vera e propria “guerra economica contro” il governo. Si tratta dell’accaparramento di beni di prima necessità che ne determina la carenza e l’aumento dei prezzi. Un fatto che crea una situazione difficile per la popolazione, afflitta da una oramai cronica mancanza di beni necessari fin dalle passate elezioni presidenziali del 14 di aprile. "Queste misure non saranno niente senza l'appoggio del paese", ha affermato martedì il mandatario venezuelano dal Quartiere di La Montaña, in una giornata di celebrazione del lascito di Hugo Chávez. Il presidente ha affermato che è stato ben identificato chi, dove e come, si è reso responsabile di questo attacco all’economia del paese. Già nello scorso di ottobre, il capo di Stato venezuelano aveva annunciato misure economiche per attaccare la speculazione e l'accaparramento e garantire la sovranità alimentare. Aveva anticipato che attraverso il Sistema Complementare di Amministrazione di Valute, Sicad, sarebbero entrati  nel paese più prodotti, per i quali ha ordinato lo stanziamento di 900 milioni di dollari. Altri provvedimenti saranno la creazione del mercato operaio, l’intensificazione delle consegne settimanali alla rete di alimenti dello Stato, rifornire i mercati Bicentenario. Tutto per garantire ai venezuelani i beni di prima necessità attraverso la rete dei mercati comunali.

Podcast C'è qualcuno lì fuori? del 06/11/2013

Alberto Mujica Cordano, detto Pepe: un Capo di Stato illuminato