Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

SI ACCOMODI PURE, SIGNOR RATZINGER

Le dimissioni costituiscono indubbiamente un’eccezione, ma parlare di “grande coraggio” è mera retorica

C’è il gesto in se stesso, che almeno per quel che sostiene il diretto interessato non ha nessun’altra motivazione che il normale (banale) progredire dell’età e il conseguente venir meno delle forze.

Fin qui ci sarebbe ben poco da aggiungere: quale che sia la tradizione della Chiesa, non dovrebbe apparire troppo strano che un uomo assai anziano, il quale compirà 86 anni il prossimo 16 aprile, si renda conto di non essere più in grado di svolgere degnamente il suo incarico e, pertanto, decida di lasciarlo.

A partire da ieri mattina, invece, è cominciata la fiera delle banalità e dei salamelecchi. Con i politici, manco a dirlo, in primissima fila nella corsa alla celebrazione immediata e all’omaggio obbligatorio, deferente, esibito. Una sfilata di frasi prevedibili, e assai ripetitive, che muove dal semplice rispetto – che è un po’ il minimo sindacale nel contratto collettivo di questi lavoratori dell’ovvio – e si spinge all’esaltazione più enfatica.

Ed eccoci al paradosso: di Giovanni Paolo II si celebrò il coraggio perché rimase al suo posto nonostante la malattia e il declino psicofisico sempre più evidente; di Benedetto XVI si celebra il coraggio perché abbandona il suo posto a causa del declino psicofisico incombente.

Lo spettacolo prosegue imperterrito, anche quando uno dei suoi (momentanei) protagonisti esce di scena. L’antico e saggio “sic transit gloria mundi” si trasforma nel moderno e cinico “the show must go on”. L’imprevisto diventa un colpo di scena funzionale alla pubblicità, e per il nuovo interprete del ruolo del Papa basterà aspettare il nuovo casting. Nel quale, dicono, potrebbe esserci una grande sorpresa. Quella, temuta da alcuni e auspicata da altri, del primo pontefice nero.

I fedeli attendono partecipi. I bookmaker si accingono a stabilire le quote.

Federico Zamboni  

I Signori della Green Economy

Il papa errante