Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Il Ribelle: novità in arrivo

Nel corso del prossimo fine settimana la homepage del Ribelle sarà temporaneamente off line per delle implementazioni grafiche e tecniche che stiamo mettendo a punto da tempo e che verranno rilasciate per l'inizio della settimana prossima.  Tutte le pagine interne e gli articoli saranno normalmente consultabili mentre la homepage, appunto, avrà alcune decise variazioni e qualche ora di stop.

Abbiamo messo assieme tanti suggerimenti arrivati nel corso delle settimane precedenti da parte dei lettori e dunque adesso provvederemo a esaudirne la maggior parte.

La homepage sarà molto più leggera, graficamente, di quella attuale, privilegiando su tutti gli altri aspetti due cose.

La Homepage. La prima: mediante una visione d'insieme, nella parte alta, sarà possibile comprendere al volo tutti gli aggiornamenti più importanti e quelli più recenti, mentre nella parte centrale della pagina e in quella in basso, scorrendo, ci saranno gli altri contenuti. Utilizzeremo qualche fotografia in meno per rendere più rapida la consultazione ma saranno messi più in risalto i titoli degli articoli e dei contenuti che, più che la forma grafica, sono la sostanza di questo progetto. Più che informare, cerchiamo da sempre di spiegare le notizie e di metterle nella prospettiva che reputiamo più corretta ed efficace per comprendere ciò che accade.

La Diffusione. La seconda: in ordine alla volontà di diffondere sempre di più il lavoro e l'azione metapolitica che portiamo avanti da sempre, rilasceremo una quantità maggiore di articoli in edizione free, in modo da favorirne la circolazione sul web sperando di innescare ragionamenti e dibattiti dei quali a nostro avviso si sente molto la mancanza.

In tale contesto, anzi, sarà favorita maggiormente la condivisione degli articoli anche sui social network e la possibilità di embeddare dei widget, di prossimo rilascio, per chi tra gli utenti avesse pagine web e siti sui quali far circolare i contenuti del Ribelle. A questo punto, la condivisione e la diffusione sono vivamente consigliati a tutti: se non in altro modo, questo è quanto chiediamo di fare a tutti quelli che si sentono parte attiva del giornale. E, sappiamo bene, sono la maggioranza dei nostri lettori.

Beninteso, gli Scenari, le Chiavi di Lettura e i contenuti più lunghi rimarranno sempre a lettura esclusiva di abbonati e sostenitori che permettono al Ribelle di continuare a vivere grazie agli abbonamenti e al sostegno, come è giusto che sia, così come a essi rimarrà l'esclusiva possibilità di commentare gli articoli sul Ribelle e di entrare in relazione con la comunità che abbiamo costruito negli ultimi cinque anni.

Sui social network, è facile prevederlo, i nostri articoli saranno commentati con le dinamiche tipiche di quelle strutture, e a loro lasceremo la diffusione e la ventura delle idee che metteremo in circolazione. Qui rimarrà invece, come sempre, la selezione permessa dall'accesso ai commenti per i soli abbonati, che se non altro elimina alla radice i perditempo e chi usa internet per esprimere le prime (e mai ultime) sciocchezze che gli passano per la mente. Allo stesso modo, è qui - e solo qui - che noi interagiremo con i commenti.

Altra cosa, per ora: mentre è in preparazione il prossimo speciale da distribuire agli abbonati in versione ebook e pdf, siamo in procinto di iniziare la pubblicazione di libri in formato cartaceo prodotti dalla nostra redazione. E di questo vi daremo conto a breve.

Per quanto attiene alla WebRadio, infine, tentando con questa mossa del restyling della testata e della homepage del sito, così come della possibilità maggiore di diffondere i nostri contenuti al fine di avere una visibilità superiore, non è affatto escluso - faremo un bilancio tra qualche settimana - che la cosa possa tornare ad avere una sua funzione strategica superiore a quella che abbiamo ipotizzato sino a ora. E che dunque possa essere ripresa fortemente in considerazione. Ma, appunto, per questo dobbiamo attendere. Per ora rimangono in palinsesto, come sempre, i quattordici notiziari allo scoccare di ogni ora del giorno.

Queste decisioni, che speriamo tutti condivideranno, sono state prese assieme ai nostri sostenitori in una riunione che abbiamo effettuato alcuni giorni addietro e che ha visto praticamente una unanimità di intenti. Certo, come è inevitabile, ci sarà chi faticherà sulle prime a orientarsi nella nuova homepage (e chi almeno sulle prime rimpiangerà quella attuale) ma come per tutte le cose vi preghiamo di considerare che il tutto è fatto con il criterio unico di diffondere maggiormente questo giornale. Cosa che siamo certi è condivisa da tutti i nostri lettori.

Naturalmente, per commenti, perplessità e suggerimenti, non esitate a postare qui sotto oppure a contattarci via email.

A presto,

La redazione

Ora si vuole eliminare anche la nostra lingua

Mennea: troppo veloce anche nel morire