Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Nigeria. Offensiva militare contro Boko Haram

Duemila soldati delle forze governative hanno scatenato una violenta offensiva contro gli integralisti islamici di Boko Haram, gruppo che si è macchiato di numerose stragi di cristiani e che stava trascinando il paese verso la guerra civile.

Le truppe dell’esercito federale sono state dispiegate negli Stati di Yobe, Borno e Adamawa, al confine con Niger, Ciad e Camerun, e secondo gli osservatori il costo in vite umane, specie fra i civili, rischia di essere elevatissimo: nella sua ultima azione Boko Haram ha preso d’assalto la città nordorientale di Bama con circa 200 miliziani, uccidendo 55 persone e radendo al suolo la stazione di polizia locale, caserme militari ed edifici governativi.

L’offensiva dei militari è arrivata dopo che il Presidente Goodluck Jonathan aveva offerto l’amnistia a tutti i ribelli che avessero deposto le armi, ma il tentativo è caduto nel vuoto, così come l’apertura di dialogo proposta con la creazione di una commissione ad hoc.

Il governo centrale non è esente da colpe, ma nella sostanza è valido il giudizio dell’analista politico Derin Ologbenla: «Il presidente è stato molto paziente ascoltando ciò che i ribelli avevano da dire, ascoltando le loro lamentele. E per tutta risposta hanno fatto ricorso alla violenza».

Un nuovo fronte islamico si apre quindi nell’Africa subsahariana, dopo il Mali, anche se è possibile che le autorità riescano qui ad avere ragione del separatismo fondamentalista senza dover far ricorso agli eserciti occidentali.

(fm)

Edilizia profana. E il capriccio degli archistar

Iraq: nuovo attentato a Baghdad, 12 morti