Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Il Libano nel mirino dei Salafiti

Assad sta consolidando le vittorie delle sue recenti offensive, che hanno messo in grave crisi il fronte ribelle e spiazzato gli “amici della Siria”, quindi l’ultima risorsa rimasta in mano agli estremisti salafiti è estendere la guerra civile siriana al Libano, così da distogliere le milizie di Hezbollah dalle operazioni in territorio straniero e richiamarle in patria.

Le prime serie avvisaglie di questo evento, paventato da molti ma sostenuto da coloro, fra gli “Amici della Siria”, più vicini al fondamentalismo sunnita, si sono avute ieri presso Sidone, dove  i seguaci di un predicatore salafita locale sono scesi in piazza istituendo blocchi stradali ed innescando scontri con polizia ed esercito.

L’esercito libanese è intervenuto per riprendere il controllo della zona intorno alla moschea Bilal ben Rabah, dove si era asserragliata la milizia fedele allo sheikh Ahmad al Assir: si tratta, naturalmente, di una milizia salafita scesa in campo per portare lo scontro con gli sciiti di Hezbollah in territorio libanese, obbligandoli a richiamare le truppe dalla Siria.

Il bilancio parziale degli scontri è di 12 soldati uccisi e almeno 50 feriti, ma sono dati frammentari e il numero dei caduti è comunque destinato a salire con il prosieguo degli scontri. Siamo davanti a una prima scintilla il cui scopo è provocare un incendio che, estendendo la guerra al Libano, destabilizzi ulteriormente la regione, offrendo nuove opportunità per l’intervento “umanitario” armato, che necessita di sempre nuovi massacri per trovare giustificazione.

L’allargamento alla dimensione regionale della guerra civile siriana è dunque in atto, ma, qualora arrivi a compiersi, rischia solo di essere una tappa intermedia verso escalation belliche che gli interventisti sembrano intenzionati a non voler vedere.

(fm)

Il caso Snowden e i suoi insegnamenti

Korn – 25 giugno 2013 – “Postepay – Rock in Roma”, Ippodromo delle Capannelle