Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Ue: le mani nei nostri Conti Correnti

L'accordo è stato raggiunto e dunque la notizia è certa: chi ha in deposito presso una Banca più di 100 mila euro condividerà l'onere di salvataggio nel caso in cui la Banca ne avesse bisogno.

Proprio come fosse un investitore, come se avesse azioni o obbligazioni.

In altre parole: il caso Cipro diventa legge e viene esteso a tutta la zona Euro. Né più, né meno.

Dopo sette ore di discussioni durate fino a tarda notte, i ministri delle finanze dei 27 Paesi dell’Unione - all'Ecofin - hanno raggiunto un accordo per la chiusura o il salvataggio delle banche in emergenza. Il piano prevede che gli investitori, i possessori di obbligazioni e i correntisti (sopra i 100 mila euro) dovranno condividere l’onere del salvataggio.

Lo chiamano "fallimento ordinato". In realtà si tratta di un furto programmato. Testato, letteralmente, nel caso di Cipro, e visto che di fatto il tutto è stato "digerito" senza troppi grandi clamori e proteste sia dalla popolazione cipriota sia dal resto del mondo, ora lo si estende a tutta l'Europa.

Sintesi: le Banche vincono su tutto il fronte con il benestare dell'Europa dei banksters. Gli italiani sono avvisati: il loro denaro depositato presso le Banche è da ora ufficialmente a rischio.

(Approfondiamo il tutto nella trasmissione di oggi, La Controra, in diretta anche qui sul sito dalle 15)

Giro, girotondo: «Amare-la-pace, armare-la-pace»

Siria. Nuovo boicottaggio a Ginevra 2