Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Siria. Le ultime acrobazie USA

Lavrov e Kerry si sono esibiti con dichiarazioni che oscillano fra l’ovvietà e la banalità, anche se, in fondo, quella di Lavrov si avvicina di più all’ovvio del “Re è nudo”, che non alla eclatante rivelazione mistificatoria che annuncia come clamoroso ciò che era sotto gli occhi di tutti.

Il Ministro russo ha dichiarato che un’aggressione alla Siria porterebbe ad una grande recrudescenza del terrorismo, e in questo siamo all’acqua calda, che può però diventare bollente se si riflette che sul terrorismo e la lotta al medesimo si è fondata tutta la politica estera statunitense degli ultimi anni: una sua ripresa sarebbe quindi manna dal cielo per Washington.

Il terrorismo che riceverebbe nuova linfa sarebbe poi, in realtà o propaganda poco importa, un terrorismo sciita, tendente al laico e filo palestinese: quindi si allenterebbe la morsa su Al Qaeda, alleata USA in Siria, e finanziata dalle amiche monarchie del Golfo, dittature teocratiche da cui Assad avrebbe solo da imparare su come si violano i diritti umani. I terroristi sciiti, inoltre, verrebbero sempre descritti, a ragione o mentendo poco importa, come foraggiati e sostenuti dall’Iran, il grande nemico di Israele e delle citate monarchie sunnite.

Kerry, invece, si fa forte del consenso della maggior parte dei paesi arabi all’aggressione, come se fosse sintomo di consenso internazionale. Ma sono proprio i sunniti i mandanti della crisi siriana, coloro che vogliono sia sparso tutto il sangue infedele presente in Siria. Possibile non se ne fosse accorto prima il Segretario di Stato? Eppure lui non dovrebbe essere caduto vittima della sua stessa propaganda, in cui sono sempre in meno a credere ed anche coloro che lo vorrebbero si trovano in crescente difficoltà a farlo: era meno imbarazzante fingersi scemi e dichiarare che Ruby poteva essere la nipote di Mubarak, che seguire le acrobazie mediatiche degli USA.

Nulla di sostanzialmente nuovo quindi – la verità si dimostra essere sempre la prima vittima della guerra – ma sarebbe interessante se uscissero prove definitive sull’impiego del gas da parte dei ribelli: dopo le arrembanti dichiarazioni contro chi usa il gas, chissà come se la caverebbe Obama se gli venisse richiesto di punire i suoi amici terroristi.

Ferdinando Menconi

Rassegna stampa di ieri (09/09/2013)

UN SISTEMA PER SALVARE IL MONDO COME PIACE AI BANCHIERI. ADESSO TOCCA ALLA SIRIA !